17 Agosto 2017 Published in News

Comunicato Stampa

Rate this item
(0 votes)

Ad integrazione della notizia pubblicata oggi, 17 agosto 2017, sul Giornale di Vicenza, si invita la nostra clientela, nonché tutta la cittadinanza marosticense, a leggere il seguente comunicato stampa affinché sia fatta massima chiarezza sullo status odierno della Rari Nantes Marostica e sui rapporti intercorsi con l'Amministrazione comunale riguardo il mutuo contratto con l'Istituto di Credito Sportivo.

Tutte le nostre attività ripartiranno il prossimo lunedì 28 agosto. 

  

Rari Nantes Marostica Società Sportiva Dilettantistica

 

Comunicato Stampa

Marostica, 11 agosto 2017

La Rari Nantes Marostica, Società Sportiva Dilettantistica, ritiene opportuno intervenire pubblicamente con questo comunicato, a seguito della notizia uscita recentemente sulla stampa locale in cui si parlava delle difficoltà finanziarie relative al pagamento del mutuo contratto con l’Istituto per il Credito Sportivo. Essa si sente in dovere di difendere la sua storia trentennale e tutti coloro che operano per la società stessa, che, oltre a 5 dipendenti, consta attualmente di circa 80 collaboratori e più di 200 atleti tesserati i quali, con il loro impegno, portano orgogliosamente il nome della Città di Marostica in giro per il mondo.

L’investimento complessivo di circa 1 milione e mezzo di euro –– ad oggi pagato per oltre 1 milione –– è stato fatto nel 2003 quando i gestori e l’amministrazione hanno pensato di ampliare gli spazi acquatici e sportivi offerti alla cittadinanza. In soli 4 mesi, l’impianto è stato dotato di una seconda vasca di minore profondità adatta alla prima infanzia, alle persone con disabilità e alle attività di fitness acquatico. Inoltre, si è provveduto all’edificazione di una sala polifunzionale, di un nuovo atrio e all’ammodernamento dell’impianto di trattamento dell’aria e del sistema di filtrazione dell’acqua, per garantire la massima igiene e salubrità dell’ambiente. Al termine della convenzione, il tutto resterà di proprietà del Comune della Città di Marostica.

La concessione del finanziamento da parte dell’Istituto per il Credito Sportivo era subordinata al rilascio della garanzia da parte del Comune, in quanto, gli investimenti sarebbero stati fatti su terreni e beni di proprietà comunale: tale garanzia era prevista nella convenzione. Per l’operazione era stato redatto un business plan con lo scopo di valutare la sostenibilità dell'intervento. Nel piano, si era previsto di raggiungere il break even con ricavi di almeno 850 mila euro e, fino all’anno 2009, le proiezioni si sono rilevate corrette ed effettivamente raggiunte.

Purtroppo, la crisi economica e l’inserimento di nuovi competitors hanno diminuito sensibilmente il volume d’affari. Considerando che il problema principale era l’eccessiva rata del mutuo, la Società ha chiesto alle Amministrazioni che dal 2009 in avanti si sono succedute alla guida del Comune di Marostica, la possibilità di prolungare la durata della convenzione. In tal modo, la Società avrebbe potuto chiedere all’Istituto per il Credito Sportivo l'allungamento della durata del mutuo con conseguente riduzione della cospicua rata annuale. L’assenza di risposte concrete è stata, in un primo momento, attutita dal ricorso da parte della Società, per due volte, alla moratoria annuale prevista dall’accordo Abi-Pmi.

Nel 2015, l'Istituto per il Credito Sportivo ha concesso alla Rari Nantes Marostica l'allungamento della durata del mutuo di ulteriori 5 anni, a condizione che la convenzione fosse protratta di pari durata. A tale presupposto, l’Amministrazione Comunale ha dato parere negativo aggravando la situazione economico-finanziaria della Società.

Gli sforzi da parte di tutti sono stati notevoli: il personale ha accettato un ridimensionamento economico e i soci non si sono sottratti a fare versamenti in c/capitale sia nel 2016 che nel 2017 per coprire le perdite e portare avanti un’attività con trent’anni di storia alle spalle. Lo spirito che da sempre ha contraddistinto la Rari Nantes Marostica (Società Sportiva non a scopo di lucro) è stato quello del servizio alla società civile in cui i responsabili vivono e operano, credendo nel valore dello sport e nella sua funzione sociale, educativa e rieducativa.

La Rari Nantes Marostica vuole onorare gli impegni assunti ma può farlo solo con una rata molto inferiore all'attuale, essendo cambiate le condizioni economiche generali e ridotto il bacino di utenza disponibile. Eventi straordinari e imprevedibili al momento della stipula del mutuo.

Ci chiediamo perché il Comune preferisca accollarsi il debito residuo, di cui è garante, piuttosto che allungare la convenzione secondo le indicazioni dello stesso Istituto per il Credito Sportivo, il quale aveva condiviso il nuovo business plan e attendeva solo la delibera del Comune per applicare le nuove condizioni.

Come sempre sostenuto negli incontri avuti con gli amministratori siamo a disposizione per trovare il modo migliore per garantire alla cittadinanza la continuità del servizio offerto negli ultimi trent’anni.

 

 

Last modified on Venerdì, 18 Agosto 2017 09:06